PEELING CHIMICO


Il peeling chimico è una tecnica dermatologica che consiste nell’applicazione di uno o più agenti chimici esfolianti e/o irritanti sulla cute per un periodo sufficiente ad interagire con strati cellulari dell’epidermide sempre più profondi  e successivamente del derma, provocando un danneggiamento selettivo e prevedibile della cute.

Il peeling crea evidenti cambiamenti nella pelle attraverso tre mezzanismi fondamentali:

  • Rimozione delle cellule morte dallo strato corneo per promuovere il turn-over cellulare (pelle più luminosa e uniforme)
  • Rimozione delle cellule epidermiche danneggiate e degenerate (photoaging)
  • avvio dei processi e dei meccanismi biologici rivitalizzanti in seguito all’attivazione di mediatori infiammatori.

Classificazione peeling

  • Molto superficiali (esfoliazione della parte piu’ superficiale dell’epidermide)
  • Superficiali (esfoliazione dello strato corneo e del basale)
  • Medi (esfoliazione dell’epidermide e di una parte o di tutto il derma papillare)
  • Profondi (eliminazione dell’epidermide fino al derma reticolare)

A seconda del tipo di acido utilizzato, della modalità e dei tempi  di applicazione un peeling è in grado di dare esfoliazione, aumentando il ricambio cellulare, sebo-regolazione, ristrutturazione della componente fibrosa del derma: il tutto si traduce in una pelle più tonicalevigata e luminosa. Pertanto è possibile utilizzarli in caso di foto e crono-invecchiamento, acne, cicatrici e smagliature, macchie, dermatite seborroica, rosacea.

I peeling maggiormente utilizzati sono acido glicolico, acido mandelico, acido piruvico, acido salicilico e (in ambito medicale) acido tricloroacetico.


Che tipo di acidi usiamo per il peeling chimico?

Il nostro metodo di esfoliazione per la pelle del viso è a base di acidi della frutta. Il metodo di trattamento ad azione profonda è in grado di rimuovere le irregolarità dalla superficie della pelle: vengono attenuati i disturbi della pigmentazione, le imperfezioni, le piccole rughe e la carnagione pallida e stanca. I risultati sono rapidamente visibili. La pelle appare più fresca, più giovane e più uniforme. La pelle ideale ha i pori fini ed è morbida e liscia. È flessibile, ben idratata e ha una circolazione intatta. Insieme al film idrolipidico, una struttura cellulare cornea regolare forma una barriera protettiva contro l’ambiente.

Sfortunatamente, l’ambiente presta scarsa attenzione a questo raffinato bozzolo, ponendolo invece sotto grande sforzo e avendo effetti indesiderati sulla pelle. Macchie pigmentate scure e piccole rughe causate dalla secchezza sono spesso i segni visibili dello stress estivo.

Non di rado, i punti neri e le imperfezioni riflettono una dieta di fast food e momenti stressanti.

A ciò si aggiunge il fatto che i cosmetici sotto forma di creme e maschere funzionano in modo ottimale solo quando la pelle è preparata nel miglior modo possibile per loro. Il sistema di esfoliazione con gli acidi della frutta soddisfa questo scopo in modo speciale e migliora semplicemente la penetrazione delle sostanze attive successive.


Cosa sono gli acidi della frutta?

Gli alfa-idrossiacidi e i beta-idrossiacidi appartengono a un gruppo di sostanze spesso denominate acidi della frutta, in quanto si trovano naturalmente in vari frutti e altri alimenti a base vegetale. Sono atossici e biodegradabili. Gli alfa-idrossiacidi (AHA) e i beta-idrossiacidi (BHA) sono utilizzati con successo nei peeling chimici per la pelle. Contrariamente agli acidi usati per scopi medicinali, gli AHA e i BHA possono essere usati in un modo più controllato e meno pericoloso.

In chimica, gli acidi carbossilici R-COOH sono dei composti organici caratterizzati dalla presenza di una funzione idrossilica (- OH) ed una funzione carbossilica (- COOH). Gli alpha-idrossiacidi (AHA) mantengono le funzioni idrossiliche e carbossiliche all’interno della stessa molecola di carbonio , mentre i Beta-idrossiacidi (ßHA) le portano su due molecole di carbonio adiacenti. L’acido Glicolico e l’acido Malico sono alpha e l’acido Salicilico è béta. Cα. Cα. Cβ. Acido Malico. Acido Glicolico. Acido Salicilico.

Quali acidi della frutta compongono il nostro sistema di esfoliazione?

Gli acidi della frutta ottenuti sinteticamente (acido glicolico, malico, citrico, tartarico e salicilico) hanno la stessa struttura molecolare degli acidi della frutta che si presentano naturalmente. Sono quindi giustamente chiamati di natura identica. La combinazione equilibrata di tutti questi acidi è ciò che rende il nostro sistema unico ed efficace. L’eccezionale tollerabilità cutanea è dovuta al neutralizzante acido. Il valore del pH ben ripartito previene gli effetti collaterali indesiderati causati da ustioni chimiche, mentre viene mantenuto l’effetto degli acidi della frutta. La buona tollerabilità cutanea se utilizzata secondo le istruzioni è stata dermatologicamente testata e confermata.


Effetti:

ESFOLIAZIONE: il legame tra le cellule cornee si dissolve e si allentano i collegamenti lipidici. Le cellule cornee superiori vengono rimosse, la pelle perde il velo grigio e diventa notevolmente più morbida e fresca.

SEBO-REGOLAZIONE: l’ambiente acido degli acidi della frutta previene l’intasamento dei condotti di escrezione della ghiandola sebacea. La dimensione dei pori della pelle è ridotta e la barriera idrolipidica nativa della pelle è supportata a causa della migliore qualità dello strato corneo. La pelle diventa di nuovo chiara e pura.

RIGENERANTE: il gel esfoliante penetra negli strati più profondi dell’epidermide. Lì sviluppa il suo effetto stimolante e agisce per aumentare la sintesi di collagene ed elastina. In questo modo, la pelle si rigenera dall’interno verso l’esterno. La pelle assume una consistenza più soda e appare giovane e liscia.

IDRATANTE: la migliore qualità dello strato superiore della pelle e la stimolazione dell’attività cellulare nello strato inferiore della pelle garantiscono un miglioramento della capacità di legare l’umidità della pelle. Ciò comporta un aumento del contenuto di umidità e una riduzione della profondità delle rughe. La pelle appare più vitale e levigata.

ILLUMINANTE: i disturbi della pigmentazione vengono rimossi dalla superficie. Il profilo della pelle appare più uniforme e luminoso,


Consigliato per:

  • Cicatrici
  • Punti neri e piccole pustoline
  • Pori ingranditi
  • Seborrea o pelle secca
  • Cicatrici e cheloidi
  • Disturbi della pigmentazione
  • Danni alla pelle causati dal sole
  • macchie
  • Rughe sottili
  • Pelle spessa
  • pelle secca
  • pelle grassa,
  • Imperfezioni
  • Carnagione pallida
  • Pelle iperpigmentata
  • Peli incarniti
  • Iniezioni sottocutanee – solo come pre – e / o post trattamento aggiuntivo

Non raccomandato per:

  • Pelle sensibile
  • Infezione batterica attiva
  • Infezione fungina
  • Erosioni
  • Cancro della pelle o simili
  • Altra terapia anti-acne es. Retinoidi (3 mesi di pausa richiesti)
  • Recente intervento chirurgico al viso (sono richiesti 2 mesi di pausa)

Esempi di applicazione di ogni acido:

Ogni acido ha delle funzioni ben precise. Qui di seguito un esempio di applicazione di un acido

Peeling Chimico con Acido Mandelico 🧪
Adatto per pelli sensibili
L’acido mandelico è un alfa idrossiacido estratto dalle mandorle amare, viene utilizzato nel trattamento di flaccidità cutanea, rughe e linee superficiali, texture irregolare ed acne.
A differenza di altri trattamenti, l’acido mandelico presenta il vantaggio di non essere fotosensibilizzante e quindi utilizzabile in tutte le stagioni.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *